Bargnani demolisce la Lettonia L'Italia torna a sperare

Andare in basso

Bargnani demolisce la Lettonia L'Italia torna a sperare

Messaggio Da Ferdinand il Ven Set 02, 2011 4:55 pm

Bargnani demolisce la Lettonia
L'Italia torna a sperare



SIAULIAI (Lituania), 2 settembre 2011


Mago da record in Nazionale: 36 punti. Gli azzurri di Pianigiani vincono 71-62 centrando la prima vittoria nella rassegna continentale lituana. La qualificazione alla seconda fase è ancora possibile. Domenica alle 16.45 sfida con la Francia






Andrea Bargnani, 25 anni, prima scelta assoluta al draft Nba 2006. Ciam/Cast
Arriva il primo successo azzurro all’Europeo: l’Italia batte 71-62 la Lettonia e resta in corsa, sebbene con chance limitate, per l’accesso alla seconda fase. Una vittoria sofferta, contro un’avversaria giovane e priva di quasi tutti i suoi migliori giocatori, che non induce a grande ottimismo ma che forse può aiutare a sbloccare un gruppo che in attacco sembra sempre più imballato. Ora c’è un giorno di riposo e domenica alle 16.45 la sfida decisiva contro la Francia.

mago show — Pianigiani parte con Hackett, Belinelli, Carraretto, Gallinari e Bargnani; Bagatskis risponde con Blums, Strelnieks, Kuksiks, Mejeris e Mejers. E’ passato troppo poco dall’amarezza tedesca, che ha posto gli azzurri sull’orlo del precipizio, per ritrovare immediata serenità in campo: i primi cinque tiri si spengono sul ferro, poi è Bargnani a rompere il digiuno e con un piao di canestri si evita l’inizio a handicap. Il Mago ha centimetri e talento per dominare contro Mejers, che al 5’ ha già tre falli. Kuksiks tira una tripla al minuto e ne mette tre delle prime cinque per il vantaggio baltico 11-7. Si rivede Maestranzi che al primo giro perde subito l’uomo in difesa (9-15). Il c.t. lettone alla vigilia predicava aggressività e il risultato è stato ottenuto: a fine primo tempo i suoi conducono 21-18, dopo avere speso ben 10 falli. L’Italia è solo Bagnani (14 punti) perché gli altri combinano per 0/4 al tiro, ma vedere il modesto Selakovs fare 8 punti in 5 minuti è sintomo che la concentrazione azzurra in difesa non è quella vista con la Germania.

male da 3 — Belinelli e Gallinari vanno a sedersi con 0/7 al tiro in una sorta di incubo prolungato; si vedono insieme Cinciarini e Hackett con Datome e Mancinelli per provare a dare brio ed energia contro una squadra davvero frizzante, che si permette anche 8 rimbalzi offensivi in 14 minuti. Per qualche minuto sembra saltato il banco e in attacco ognuno va per la sua strada che spesso si rivela senza uscita: 22-28 al 15’. Col trio Nba di nuovo in campo finalmente Bargnani rivede qualche pallone giocabile ed è 7-0 per il primo vantaggio del quarto. Al riposo è 31-33 ed è forse la peggiore delle tre partite per gli azzurri che con l’1/9 da 3 chiudono i primi 100 minuti della rassegna continentale con un 9/51 inaccettabile a qualsiasi livello. Due soli assist sono il barometro di una squadra schiacciata dall’incertezza e che offensivamente è lontana dall’avvicinarsi alla sufficienza.


la difesa — Pianigiani prova a ripartire dall’unica cosa possibile, la difesa: la pressione vale due recuperi e un 6-0 iniziale, ma il rookie Kuksiks è caldissimo e infila tre canestri nel 9-1 che riporta i baltici avanti 42-38. La Lettonia gioca un basket davvero efficace e solo il rientro di Mancinelli rialza il dinamismo azzurro, che continua a fare i conti con l’inesistente incisività di Maestranzi e con Belinelli che passa interi minuti senza toccare palla in attacco. L’unico baluardo resta Bargnani, che sfrutta la sua superiorità e nel vantaggio 55-53 del 30’ ha ben 27 punti all’attivo.

apoteosi — Come in una sorta di “Sliding Doors” sul parquet, in un attimo il ferro sputa la tripla del sorpasso di Blums e accoglie quelle di Mordente e Bargnani. Sono 51 secondi che segnano la gara e che permettono agli azzurri di eguagliare il massimo vantaggio (61-53) in questo Europeo. Dopo questo lampo la via del canestro torna un mistero conosciuto solo da Bargnani che con un gioco da tre punti arriva a quota 35 (record personale in Nazionale, chiuderà con 36) al 35’ e sigla il 66-56. E’ però il gioco che toglie definitivamente le castagne dal fuoco all’Italia, complice la fine della benzina lettone, e che regala altre 48 ore alle speranze tricolori. Per quello visto finora sembra una missione impossibile, ma nel 2003 una squadra assai meno talentuosa partì da una situazione altrettanto disperata e arrivò al bronzo Europeo a Stoccolma.
Italia: Bargnani 36, Belinelli 11, Mancinelli 8
Lettonia: Kuksiks 19, Selakovs 10, Dai. Bertans 8


Guido Guida
http://www.gazzetta.it/Basket/Nazionali/02-09-2011/italia-non-puo-piu-sbagliare-802717525176.shtml

Ferdinand

Messaggi : 57
Punti : 174
Reputazione : 73
Data d'iscrizione : 30.08.11

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum